Acquista il codice seriale di Playerunknowns Battlegrounds

Meglio noto come PUBG nella community di videogiocatori, PlayerUnknown’s Battlegrounds è uno sparatutto in prima o terza persona, strutturato secondo le meccaniche MMO (Massively Multiplayer Online). È stato sviluppato e pubblicato dalla software house Bluehole. La modalità principale consiste in uno scontro all’interno di una singola mappa, in cui i giocatori devono eliminarsi fra loro. Il vincitore è l’ultimo a rimanere in vita, oppure il team che prevale su tutti gli altri. Una delle caratteristiche principali è l’equipaggiamento volatile: all’inizio della partita si viene paracadutati nell’area di gioco completamente disarmati, e bisogna raccogliere gli oggetti utili per proteggersi, curarsi o ferire gli avversari. Inizialmente snobbato dalla critica, PlayerUnknown’s Battlegrounds ha guadagnato lentamente la fiducia dei gamers, fino a risultare nel 2017 il titolo più giocato nella piattaforma Steam.

Caratteristiche di gioco

La modalità principale di PlayerUnknown’s Battlegrounds è la Battle Royale: i giocatori si sfidano in una battaglia “tutti contro tutti”, a cui si può partecipare da soli o a squadre per un totale massimo di 150 unità. L’area di gioco è composta da zone rurali e piccoli centri abitati, oltre a edifici industriali e vasti specchi d’acqua. La posizione di partenza viene scelta dal giocatore stesso, che nelle prime fasi della partita si trova su un aereo da cui paracadutarsi. Nel corso della lotta il campo di battaglia viene ridotto progressivamente, costringendo i giocatori a trovarsi sempre più vicini e lottare per gli ultimi metri quadri disponibili.

Oggetti e inventario

Gli oggetti che ogni giocatore può trovare nella mappa vengono generati casualmente all’interno degli edifici, e comprendono armi, accessori curativi, abbigliamento di protezione e cibo. Le armi sono tante e vanno dalle più semplici e comuni pistole, senza alcun accessorio, ai fucili automatici con ottiche zoom e caricatori estesi. Gli oggetti curativi consistono in delle bende, che si possono ottenere anche da altri materiali secondari, e kit medici più efficaci. L’abbigliamento di protezione è composto invece da elmi, stivali, giubbotti antiproiettile e maschere (l’utilità di molti capi d’abbigliamento è quasi del tutto estetica). Gli spazi nell’inventario sono limitati, ma la loro gestione è semplice e richiede solo poche partite prima di essere appresa al meglio.